L’olivo, originario del Vicino Oriente, è utilizzato fin dall’antichità per l’alimentazione. I suoi frutti, le olive, sono impiegate per l’estrazione dell’olio e nell’alimentazione.

Ma non solo…anche il  legno d’Olivo, molto pregiato e famoso per le sue qualità: robustezza, estetica ed igiene, è impiegato nella produzione di oggetti e complementi d’arredo ed utensili da cucina. Bagnato a fine lavorazione con semplice olio di girasole scurisce mostrando le sue affascinanti venature.

Questo trattamento ripetuto periodicamente impermeabilizza il legno in modo naturale rendendolo adatto all’uso in cucina.

La reperibilità del legno di olivo in funzione della lentezza di crescita della pianta rende preziosi gli oggetti che oggi si possono realizzare come quelli de l’Albero dell’Olivo espositore alla 80° Mostra Internazionale dell’Artigianato.

L’Albero dell’Olivo nasce a Serrazzano nella campagna vicino a Volterra nel podere di famiglia, trasferendosi poi a Livorno negli anni ’90 ed oggi ne Laboratorio in via del Seminario 18.

Il legno è una tradizione di famiglia e la durata e praticità degli oggetti prodotti sono la loro forza. Sono circa 120 gli articoli prodotti, nella maggior parte articoli da cucina: mestoli, taglieri, cucchiai, mortai, tutto in solido legno d’olivo.

 

2

 

Se vi piacciono li potete trovare al piano terra del padiglione Spadolini, nel settore dedicato all’artigianto italiano. Dal 23 aprile al 1 maggio alla Fortezza da Basso di Firenze.

 

Credits photo: www.vivairosariotramontana.it