Visitare la fiera abbinando ai prodotti artigianali una pausa enogastronomica in tema. Ecco 3 percorsi da fare alla Mostra 2015.

L’ artigianato etnico

Un vero e proprio viaggio nel mondo dell’handmade attraverso la tradizione dell’arte manifatturiera da oltre 50 paesi esteri.

Un’occasione unica da non perdere, la più ricca ed amata dal pubblico.

Il Tibet è l’ospite d’onore della 79^ edizione della Mostra dell’ Artigianato con il meglio della sua tradizione artigiana, spaziando dall’enogastronomia alla danze tradizionali, dalle famosissime campane alla lavorazione del mandala, portando con sé tutto il fascino di questa terra misteriosa.

Al piano inferiore del Padiglione Spadolini c’è solo l’imbarazzo della scelta: dal Giappone alla Russia, dall’Africa all’India, passando per la Cina fino a Cuba. Vi sentirete letteralmente sopra il tetto del mondo.

L’enogastronomia artigianale

6.000 metri quadri dedicati alle eccellenze del food.  Un’occasione da non perdere per chi ama il mondo dell’enogastronomia ed è a caccia di emozioni per il palato.

Un’ampia offerta per il pubblico con  tante specialità e proposte enogastronomiche dalle regioni italiane e dall’estero, come le specialità francesi dall’Alsazia e Normandia che porteranno in Fiera le loro eccellenze: dal fois gras ai formaggi della Normandia quali il Camembert, il Livarot, il Pont L’Eveque fino alle super titolate mele, da cui viene prodotto il celebre distillato di sidro Calvados.

In quest’area, al piano attico del padiglione Spadolini, due sorprese per i nostri visitatori: uno e’ lo spazio targato “Le Delizie di Leonardo Romanelli” in cui l’eclettico critico, gastronomo, sommelier, scrittore fiorentino ha creato un evento nell’evento. Tutti i giorni dalle ore 11 alle 21, attorno ai fornelli della cucina ricreata da Lube per l’occasione, si alternano cuochi della ristorazione toscana. Si potranno vedere all’opera i famosi, i giovani, gli storici, i creativi chef, alle prese con una ricetta ispirata ai valoro dell’Expo, dove non esiste piu’ un prodotto di scarto. Romanelli darà spazio anche a coloro che fanno tendenza sul web con una selezione di food blogger italiani, anche loro impegnati con la stessa ricetta.

Insieme al contender di mestoli, una sfilata di degustazioni di vari prodotti, dal vino, all’olio, alla pasta, ai biscotti, al te, al caffè, con sorprese ogni giorno. Spazio anche a momenti didattici per guidare i poco esperti, con il contributo di una scuola di cucina. E sull’onda dell’attualita’ dove il vegetariano ed il vegano sono protagonisti, non poteva mancare un’intera giornata dedicata al biologico con un variegato programma di appuntamenti, educational ed assaggi.

L’altra sorpresa è il Cake Design a cura dello Studio Gaut di Luca Bolognese e Silvia Scuffi Abati, in collaborazione con Patrizio Arnone.

VC3 (98)

Il tema di quest’anno sarà: Cake 4 Planet. I partecipanti dovranno ‘dolcemente’ reinterpretare il tema della sostenibilità del Pianeta Terra in tutti i suoi aspetti e valori etici. Un’arte che gioiosamente si esprimerà su un tema di attualità: la tutela del nostro habitat naturale e della sua sostenibilità. Sarà un manifesto “zuccheroso” per la salute e l’armonia del globo. Uno straordinario mondo di colori e profumi che evidenzierà la bellezza ed il rispetto per la natura. Fra i partecipanti anche rinomati pasticceri che da anni si dedicano alla pasticceria vegana.

In programma dimostrazioni di Cake design: dai biscotti decorati ai cup-cake, dal modelling alla presentazione finale della torta, ma anche dimostrazioni della pasticceria vegana.

L’area espositiva vede anche un ricco settore dedicato ai media partner e alle ditte specializzate, che metteranno in mostra e in vendita ogni articolo utile per la riuscita di una bella e buona torta: dagli attrezzi di base agli ingredienti più ricercati. Il tutto verrà documentato con filmati che coglieranno l’atto creativo di quest’arte. Sesto TV riprenderà i momenti più salienti della manifestazione, trasmettendoli sul suo circuito. Nei due venerdì pomeriggio, a cura di Sesto TV, il talk Show “Il tè del Venerdì” che trasmesso in diretta streaming, avrà come tema il mondo del cake design e della pasticceria vegana.

Per quelli che del vegetariano e vegano fanno un proprio stile di vita, un passaggio è d’obbligo ai due ristoranti aperti con portate gustose: dal riso al curry al falafel, passando per il chilly a base di patate fino alle classiche frittelle di mele.

Vintage e  casa: le novità della 79^ edizione

Quest’anno fanno il loro ingresso in fiera due nuove iniziative:  l’affascinante e trendy mondo del Vintage: dal design agli accessori all’abbigliamento. Una vera e propria rassegna nella rassegna che racconterà con pezzi unici, datati e d’autore, un pezzo della nostra storia attraverso la moda, il modernariato, gli articoli da collezione, i capi sartoriali d’epoca, i pezzi di design esclusivi, gli oggetti d’uso quotidiano. Un viaggio nel tempo reso possibile grazie alla sensibilità di collezionisti, attenti custodi di tendenze e ‘mode’ del passato.

vintage

L’altra novità è CASA IN & OUT che mette in campo una panoramica completa di quelli che possono essere gli oggetti da sogno, strutturali e funzionali, nel rifacimento della propria casa. La Casa a portata di mano, nel suggestivo spazio della Polveriera, è la collaterale che traendo spunto dal film Dogville, presenterà i vari componenti di un’abitazione attraverso una ricostruzione metafisica di tutte le stanze e degli esterni, facendo leva su un allestimento di base minimalista con particolari effetti di luce.

Infine sono da non perdere: il  padiglione che ospiterà, centri estetici e termali, scuole di parrucchieri ed estetica tutte le novità in tema di make-up, massaggio, erboristeria e  medicina naturale e la mostra Dalla testa ai piedi. L’artigianato d’arte nelle collezioni e nei musei d’impresa in Italia. Un emozionante viaggio nell’imprenditorialità artigiana made in Italy, una sorta di grande museo ‘vestito’ che coniuga saper fare, ricerca sopraffina del dettaglio, eleganza e stile. Pezzi unici, custoditi con cura in importanti collezioni e musei d’impresa.

A questo punto non ti resta che acquistare il biglietto e visitare la Fiera