Il Panama bianco ricorda il caldo ed i colori dei Tropici.

E’ stato reso immortale nell’immaginario comune dallo scrittore Ernest Hemingway ed è diventato patrimonio dell’Unesco nel 2012.

HH_12BBB140_300_5171

Al contrario di quanto si pensi il Panama non nasce in Argentina ma tra le montagne dell’Ecuador, in una città di nome Cuenca.

Il Panama nasce come cappello per ripararsi dal sole torrido dei tropici, “sombrero de paja toquilla”,  e divenne un accessorio alla moda grazie al Presidente Theodore Roosevelt, che ne indossò uno nel 1906 durante la sua visita ai lavori al Canale di Panama. E proprio in questa occasione il cappello prese questo nome e fece il giro del mondo grazie ad una foto pubblicata sul New York Times.

Théodore-Roosevelt-Panama1

Dopo la visita del Presidente tutti gli operai indossarono il Panama per ripararsi dai raggi del sole tropicale durante la lavorazione del canale che si conclusero nel 1914.

Il cappello tutt’oggi è lavorato a mano nella più antica tradizione artigiana. La paglia utilizzata per creare il Panama proviene dalle palme “toquilla” della zona della città Montecristi.

Il valore di questo cappello sta nella filiera produttiva: vengono prodotti al massimo dieci Panama al giorno ed in base alle paglie utilizzate possono raggiungere cifre elevate.

panama-hats-large

Documenti storici narrano che già gli Inca utilizzavano la “paja toquilla” per produrre i propri abiti.

Vi aspettiamo alla Fortezza da Basso dal 24 aprile al 3 maggio 2015, per scoprire tutti i segreti di questa lavorazione che ha reso il Panama un accessorio maschile irrinunciabile.