Quando l’Africa si fa “sentire”possiamo portarcela  a casa in una piccola boccetta. In arrivo alla Mostra dell’Artigianato 2015 prodotti naturali ed ecologici direttamente dalle suggestive terre africane.

Studi scientifici hanno dimostrato come l’olfatto sia il nostro senso primordiale, quello che ci avverte dei pericoli ed è in grado di  riportare alla memoria ricordi e luoghi ormai lontani.

Se associamo la parola profumo con Africa, il Continente Antico per antonomasia, il gioco è fatto. La mente viaggia verso le piante di questa terra misteriosa, da cui l’uomo, nel corso de secoli, ha saputo apprenderne le mille virtù e proprietà benefiche.

L’Olio di Argan, estratto da un albero marocchino riconosciuto dall’UNESCO come patrimonio dell’umanità, oppure quello di cocco, idratante per pelle e capelli, sono solo due delle essenze prodotte in questa terra meravigliosa.

Anche gli oli di Balanites o di Baobab sono rimedi naturali dalla tradizione millenaria, perfetti contro la secchezza e l’invecchiamento cutaneo, oggi purtroppo sempre più rari. E ancora il burro di Karitè, vero toccasana per la pelle sensibile con un’altissima capacità di renderla tonica ed elastica.

artigianato africano mostra artigianato firenze

La tecnica usata per ricavare queste essenze è a freddo, spremendo cioè direttamente il fiore, il nocciolo, la foglia o la radice dove esse sono contenute.

Per questo motivo la provenienza della pianta è assolutamente importante, affinché le qualità organiche e curative del prodotto siano mantenute perfettamente.

Per poter godere di un po’ di queste virtù, quest’anno alla Mostra dell’Artigianato potrete visitare lo stand de Le coeur d’Afrique, un’impresa tutta africana che unisce alle materie prime biologiche la salvaguardia per le condizioni dei lavoratori, dei piccoli produttori locali e un assoluto rispetto per il territorio.

Vi aspettiamo alla Fortezza da Basso dal 24 aprile al 3 maggio 2015, per scegliere l’essenza che preferite, scoprendo prodotti ecologici e assolutamente naturali. Alla scoperta dei profumi di questa tradizione millenaria. 

 

Credits photo (evidenza pagina Facebook): Bobonacus su Flickr.com